BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

STEPHEN HAWKING/ Il fisico inglese boicotta Israele: no alla Conferenza “Facing Tomorrow”

Il gesto di protesta dell'ex professore che si oppone al trattamento riservato dagli israeliani ai palestinesi, in linea con altri accademici e studiosi 

Stephen HawkingStephen Hawking

Stephen Hawking, uno dei fisici più famosi del mondo, noto soprattutto per i suoi studi sui buchi neri, sulla teoria cosmologica e sulla gravità quantistica, proseguiti con successo nonostante il 71enne sia da anni costretto su una sedia a rotelle da un'atrofia muscolare progressiva, non parteciperà alla quinta edizione del “Facing Tomorrow”. Il motivo del suo forfait alla conferenza che si terrà il prossimo mese in Israele è dovuto all'opposizione dello scienziato – come lui stesso ha spiegato – al trattamento che lo Stato mediorientale sta attuando nei confronti dei palestinesi ed è in linea con una serie di iniziative di boicottaggio contro Israele promosse da accademici e studiosi. La risposta istraeliana alla "buca" dell'ex professore di Cambridge non si è fatta attendere e il Presidente Shimon Peres, promotore del “Facing Tomorrow”, si è detto infastidito dal fatto. ''Il boicottaggio accademico di Israele è a nostro parere oltraggioso e improprio'', ha fatto sapere infatti la sua Conferenza Presidenziale in merito al fatto che Hawking abbia disdetto aa sua presenza all'evento in programma a Gerusalemme e lo stesso Peres ha ritenuto il comportamento del luminare britannico “ingiustificato e sbagliato”.

© Riproduzione Riservata.