BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA FRANCESCO/ Omelia di Santa Marta: la salvezza è vivere nella consolazione dello Spirito

Pubblicazione:lunedì 10 giugno 2013 - Ultimo aggiornamento:lunedì 10 giugno 2013, 19.38

Infophoto Infophoto

Questa mattina, durante l’omelia pronunciata nel corso della messa celebrata nella casa di Santa Marta, il Papa ha parlato della salvezza, definendola come il vivere nella consolazione dello Spirito Santo e non dello spirito del mondo. Solamente l’apertura nei confronti dello Spirito, ha continuato il Pontefice, ci fa accorgere e partecipare della novità che ci porta il Signore. Secondo Papa Francesco, le Beatitudini non possono essere comprese esclusivamente con l’intelligenza umana. Da tempo si è ormai capito che lo Spirito Santo, la terza Persona della Trinità, avrà un ruolo centrale nel pontificato e nel magistero del di questo vescovo di Roma. Francesco ha sottolineato che, senza la consolazione dello Spirito, le Beatitudini non sembrano altro che sciocchezze. Una persona «può regolare la sua vita, sistemarla su un elenco di comandamenti o procedimenti». Tutto ciò, tuttavia, non condurrà alla salvezza. Chi spera di regolarsi secondo un elenco puramente umano fa come – ha precisato il Papa – quelli che volevano esaminare le nova dottrina di Gesù per poi litigarci. Costoro, «avevano il cuore chiuso nelle loro cose». I nuovi comandamenti, invece, richiedono una libertà che «nasce dallo Spirito Santo».



© Riproduzione Riservata.