BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ROBERTA RAGUSA/ Nuova testimone sentita in Procura a Pisa

Un'amica di famiglia potrebbe far luce sulla vicenda della scomparsa della mamma di Gello e suoi rapporti tra lei, il marito Antonio Logli e Sara Calzolaio, amante di quest'ultimo

Roberta Ragusa Roberta Ragusa

ROBERTA RAGUSA - Verrà oggi sentita in Procura a Pisa una nuova testimone sul caso della scomparsa di Roberta Ragusa. La donna sarebbe un'amica del marito Antonio Logli e potrebbe far luce sui rapporti che intercorrevano tra lui, la moglie e l'amante 29enne Sara Calzolaio. Gli inquirenti sperano che la deposizione possa far emergere qualche elemento che faccia luce su una vicenda che non accenna a risolversi. A 17 mesi dalla notte tra il 13 e il 14 gennaio dello scorso anno, quando si persero nel nulla le tracce della mamma di Gello di San Giuliano Terme, niente di nuovo è infatti ancora emerso dalle indagini che hanno battuto a tappeto i boschi della provincia di Lucca e analizzato l'automobile della donna e la villetta nella quale viveva con i due figli e il marito che rimane l'unico indagato per la vicenda ed è accusato di omicidio e occultamento di cadavere. Dal canto suo, Logli continua a professarsi innocente e la sua amante, segretaria dell'autoscuola dell'uomo ed ex baby-sitter dei suoi bambini, con la quale continua a fare coppia, interrogata per l'ottava volta la scorsa settimana, sostiene che la Ragusa si sia allontanata volontariamente da casa e spera che presto possa fare ritorno. Ma, allo stato attuale, non è giunta alcuna segnalazione che riferisca un avvistamento della 45enne e la famiglia di lei reputa impossibile che abbia potuto abbandonare i suoi cari di punto in bianco, scappando nella notte in ciabatte e pigiama, senza soldi né documenti. Nel frattempo, su Facebook i numerosi gruppi nati per aiutare le ricerche di Roberta continuano a raccogliere sostenitori che si augurano, dal profondo del cuore, che la donna venga al più presto trovata e che la situazione di stallo nella quale si è cristallizzata ormai da tempo il caso possa sciogliersi alla luce di qualche elemento decisivo che dare una svolta alle indagini, provando - o, al massimo, confutando - la tesi del supertestimone Loris Gozi che sostiene di aver visto, la notte della sparizione, la Ragusa litigare con il marito a bordo della sua macchina e quella di un uomo che ha riferito di aver visto Logli, qualche sera dopo, trasportare un gran sacco nero sulle spalle.

© Riproduzione Riservata.