BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DENISE PIPITONE/ "La sorellastra è colpevole": il pm chiede 15 anni per Jessica Pulizzi

Il pm Francesca Rago ha chiesto la condanna a 15 anni di carcere per Jessica Pulizzi, sorellastra 26enne di Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre del 2004

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

Al termine della requisitoria, il pm Francesca Rago ha chiesto la condanna a 15 anni di carcere per Jessica Pulizzi, la sorellastra 26enn della piccola Denise Pipitone, scomparsa il primo settembre 2004 da Mazara del Vallo. I magistrati non hanno dubbi: Jessica "è colpevole senza alcun dubbio. Gli indizi sono chiari, univoci e convergenti", e avrebbe quindi partecipato al sequestro della bambina che all'epoca dei fatti aveva poco meno di quattro anni. Per il giorno in cui avvenne il rapimento, Jessica Pulizzi "non ha un alibi convincente". Inoltre "per nessuno Denise simboleggiava quello che simboleggiava per lei". Nella requisitoria che ha anticipato la richiesta di condanna, il pm ha infatti detto che “l’atteggiamento di Jessica Pulizzi è stato simile a quello di una moglie gelosa più che di una figlia”. La sorellastra, secondo i magistrati, era incredibilmente gelosa nei confronti di Piera Maggio, mamma di Denise, per la relazione avuta con suo padre, Piero Pulizzi. Per questo motivo la considerava l'unica responsabile della fine del matrimonio dei suoi genitori. “Con certezza – ha detto stamattina il pm - Jessica il 1 settembre 2004 sapeva della relazione di Maggio con suo padre nonostante l’imputata sentita il 19 febbraio scorso abbia cercato di negarlo. Il 26 ottobre del 2000 Jessica apprende della nascita di Denise, quella bambina avuta dal padre con quella ‘sfasciafamiglia’ e che venendo al mondo rendeva concreto il tradimento del padre. Dal punto di vista di Jessica, Denise era la piccolina che poteva sottrarle le attenzioni del padre, sintesi perfetta del legame esistente con Piera Maggio la quale, a differenza di suo padre, continuava a restare unita ad Antonino Pipitone”.

© Riproduzione Riservata.