BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOZZE GAY/ Perché gratti via il politically correct e trovi i giacobini?

Infophofoto Infophofoto

Non funziona così e anche il Card. Scola qualche giorno fa ha ribadito - in un contesto diverso e con diverse finalità, ma in linea con quanto sostenuto dal Papa - che la secolarizzazione non è il destino ultimo dell’Europa e dell’Occidente; dunque rimbocchiamoci le maniche e “damose da fà”, per citare l’ultimo, meraviglioso, Giovanni Paolo II.

Semplice, no? No, lo so, ho detto semplice, non facile, e sono due cose diverse; perché i processi sono prodotti concreti scaturenti dalle teste e dai cuori degli uomini, sempre coinvolti nelle fatiche quotidiane, quelle che spezzano le gambe e il fiato; e per giunta si tratta di gente con il peccato originale, come tutti noi, e di buona grana di peccato, certamente; ma, sia come sia, la scure è posta alla radice: perché? Ma perché i fautori dei matrimoni omosex dell’ultima o penultima ora hanno, in fondo, dato la stura a ciò che giaceva da tempo sotto i tappeti delle case di non credenti e perfino di qualche sedicente “credente”. Ergo: ringraziare lorsignori, prego. Mille giorni di questa gloria, che nasce il lunedì e scompare la domenica.

© Riproduzione Riservata.