BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

METODO STAMINA/ Il piccolo Leonardo e il "miracolo" in cui credere

MONICA MONDO si rivolge a Sara Fontana, la mamma del piccolo Leonardo affetto da paralisi tetraspastica, a cui non è stato permesso di utilizzare il metodo Stamina

InfoPhoto InfoPhoto

Immagino di essere Sara Fontana, la mamma del piccolo Leonardo, affetto dalla nascita da paresi tetraspastica, una malattia terribile, e progressivamente sempre più terribile. Immagino di guardare mio figlio rigido sul passeggino apposito, in preda alle convulsioni, o attaccato alle macchine per poter riposare, la notte, senza essere strozzato dalla saliva. La ascolto, mentre mi immedesimo in lei, questa mamma coraggiosa che ha riunito il suo paese, Buscoldo, per spiegare, chiedere, gridare: lei vuole che a suo figlio sia permessa la sperimentazione col metodo Stamina, vuole provarci, e non importa se non guarirà Leo, non importa se potrà portare conseguenze, a lei basta una speranza, anche piccola, anche solo quella di vederlo sorridere senza spasmi. 

Un miglioramento, questo chiede. Perchè negarglielo? Ricordo che la Camera ha da poco dato il via libera perché proseguano le sperimentazioni avviate, sotto il controllo del ministero della Sanità. Ricordo che, a fronte di molti determinati sostenitori, tanti, soprattutto in campo medico, sono i critici, tanti che mettono in guardia da possibili truffe o illusioni, che potrebbero far abbandonare terapie più lunghe, più lente, ma sicuramente efficaci alla distanza. Un po’ quel che accadde col metodo Di Bella per i tumori. 

La mamma di Leo si è sentita dire dal suo medico curante: “Lei non crede ai miracoli, vero?” E si è ribellata. Giustamente. Una madre non può non credere ai miracoli. Non spera che nei miracoli, non le restano che i miracoli, quando tutto e tutti dicono no, non è possibile, mai più. Anche se non è cristiana, crede ai miracoli. Come i tanti, mai un piede in Chiesa, che affollano come pellegrini le strade di Lourdes o i sentieri di Medjugorje.

Certo che crediamo ai miracoli, e che anche i progressi e i successi della medicina lo siano. Se mai ci fosse una, una sola possibilità di rendere più dolce la vita di un bambino così ammalato come il suo Leo, più facile il sacrificio quotidiano dei genitori, bisognerebbe osare, tentare. Niente da dire. Però, sapendo che il prof. Varrone che ha ideato il metodo Stamina è un dottore in lettere, non in medicina. Che non risultano pubblicazioni su riviste scientifiche che attestino la sua provata validità. Che non basta un servizio delle Iene ad accreditarlo, anche se un servizio delle Iene può muovere l’opinione pubblica, alimentare speranze o illusioni. Il punto è: la terapia proposta è pericolosa per la vita del malato, o risulta paragonabile a una cura compassionevole? Nel secondo caso, se non può nuocere, perché vietarla?