BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

URANIO IMPOVERITO/ Militare malato non riceve il rimborso e vende tutto su Facebook

Pubblicazione:

il maresciallo Marco Diana (fonte: Facebook)  il maresciallo Marco Diana (fonte: Facebook)

Un appello disperato quello che ha pubblicato sul suo profilo di Facebook il maresciallo Marco Diana, da tempo malato per un tumore che lo ha colpito dopo aver partecipato a missioni all'estero per l'esposizione all'uranio impoverito, che per poter pagare le medicine per la sua malattia ha messo in vendita la sua casa. "Amici miei”, scrive infatti sul social network, “a causa dell'inadempienza del ministero della Difesa e dei vari comandi militari competenti nel territorio e dei loro comandanti, se voglio continuare a restare vivo e curarmi, sono costretto a mettere in vendita tutto ciò che possiedo: la mia casa interamente arredata, la vigna e qualche terreno. Vi chiedo la cortesia di diffondere questo annuncio in modo che se ci fosse qualcuno interessato mi può contattare in privato. Vi ringrazio. Con amore, vostro maresciallo Marco Diana". Non è la prima volta che l'uomo denuncia una mancata adempienza da parte della Asl di Iglesias che ha perduto per tre volte i documenti che attestano il suo stato di salute, senza i quali l’Azienda non può somministragli o rimborsargli le terapie di cui ha bisogno. Già nel 2010, infatti, aveva detto di non aver ricevuto il rimborso del costo dei farmaci salvavita (oltre 16mila euro al mese) che aveva lui stesso anticipato. Lo stesso Franco Porcu, sindaco del paese di Viallamassargia, nel quale Diana vive, aveva indagato sulla faccenda e si era schierato a fianco del compaesaneo: “Ho preso posizione contro l’Asl – ha detto il primo cittadino –  non è possibile che per questioni meramente burocratiche qualcuno debba rischiare la vita” e ha continuato: “Marco avrebbe dovuto ricevere dal Ministero della sanità emolumenti integrativi che non sono mai arrivati”. Una situazione che si trascinerebbe da alcuni anni e che ora ha costretto il militare, che necessita di essere assistito 24 ore su 24, a mettere in vendita la sua stessa casa.   



© Riproduzione Riservata.