BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BAMBINO DIMENTICATO/ Cara Paola, tuo figlio Luca non è perduto

Fotolia Fotolia

C’è chi crede che questa soglia sia un baratro. E giustamente è disperato.

Cè chi invece sta sospeso, spera. Che non sia finito tutto lì, veramente.

C’è chi sente una promessa che si avvera, ma in modo così doloroso... “mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato”...

Ora, la mamma di Luca è davanti al baratro.

E noi siamo così interessati a quello che farà, che dirà, perchè lo sappiamo che prima o poi, in modo diverso, certo, ma arriverà anche per noi il baratro.

Sediamoci accanto a lei, sul bordo del letto, in silenzio. Sul bordo del nostro cuore. In silenzio.

La vita è un dono.

Qualcuno me lo dà. Qualcuno che pensa a me.

Qualcuno che, non è che me l’ha presa, no; ma Gli è ritornata. È compiuta, in qualche modo che non so, è compiuta. Non è una questione di colpa. 

Non è una questione di colpa. 

Ma di merito e di grazia. Di ognuno.

E di misericordia. Non è perduta. Non sono perduto.

Niente e nessuno è perduto: in quel buio intuisco un abbraccio.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/06/2013 - Giustizia (luisella martin)

L'articolo é bellissimo, commovente. A tutti capita di dimenticarsi di qualcuno, anche se caro al nostro cuore, ma non sempre succede ciò che é accaduto a Luca. Credo che non dobbiamo dimenticare che la Misericordia di Dio non prescinde mai dalla Sua Giustizia. Spero che Paola e suo marito, così intimamente legati nel Matrimonio, sappiano insieme trovare il senso della Provvidenza di Dio nella loro vita; Dio c'é, é con loro!

 
07/06/2013 - Le madri e i padri (Daniela Blandino)

Le madri e i padri sono stati toccati nel profondo dalla notizia del piccolo dimenticato in auto, credo per la coscienza che sarebbe potuto capitare a chiunque di noi. Non ho sentito nessuna madre o padre esprimere accuse, solo gli esperti si azzardano a farlo magari permettendosi di ricordare ai genitori che i figli non sono oggetti, come ho sentito a un telegiornale l'altro giorno. Ma le madri e i padri, in quanto madri e padri, si sono idealmente stretti intorno ai genitori del piccino perché quello che è successo va oltre le responsabilità e le colpe. Esistono veramente dei fatti che accadono anche se non lo vogliamo. Ma siccome viviamo in un mondo inzuppato di moralismo per ogni cosa bisogna cercare il colpevole. Fortuna che c'è un Padre che accoglie e perdona, ricrea e veramente non permette che alcuna cosa vada perduta. Questa Sua misericordia ci permette di capire, perdonare e condividere.