BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Oggi, 1° luglio, si celebra San Nicasio Camuto de Burgio, cavaliere di Malta

San Nicasio Camuto de Burgio San Nicasio Camuto de Burgio

San Nicasio e suo fratello Ferrandino si imbarcarono per la Palestina nel 1185, partendo dal porto di Trapani con la scorta di due galere del re Guglielmo. In Terrasanta, Ferrandino e San Nicasio si dedicarono alla cura degli ammalati, all'assistenza dei pellegrini e alle operazioni militari di difesa dei luoghi santi. Nel giugno del 1187, il sultano d'Egitto Saladino decise di porre fine alla presenza dei crociati in Palestina, invadendo il piccolo lembo di territorio cristiano attaccandolo da tutti i fronti. Il dominio del Saladino infatti circondava completamente la Palestina, e da diversi anni era in atto una guerra logorante fatta di colpi di mano, scontri sporadici e reciproche violenze. Nel giugno del 1187 le forze musulmane, notevolmente superiori rispetto ai crociati, attaccarono la fortezza di Tiberiade: dopo un breve assedio, il 2 luglio il castello venne conquistato da Saladino. 

I pochi cristiani scampati all'assedio, tra cui si trovava anche San Nicasio, riuscirono a scappare e a raggiungere le alture di Hattin. Due giorni dopo, le soverchianti forze di Saladino ebbero la meglio sulle deboli forze cristiane. San Nicasio, catturato come prigioniero, venne portato davanti al Saladino, interessatosi a lui a causa dei suoi lineamenti e dalla sua carnagione scura. Il sultano lo interrogò ripetutamente: quando scoprì che Nicasio era di origine saracena, Saladino gli offrì la possibilità di salvarsi e di passare al suo servizio in cambio della conversione all'Islam. San Nicasio rispose fermamente di no al Saladino che, accecato dall'ira, diede ordine di decapitarlo.

San Nicasio è stato venerato sin dal momento della sua morte. Patrono di Caccamo, San Nicasio è anche il protettore di ferrai e fabbri.

© Riproduzione Riservata.