BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ 2. Il suicidio di Carbonia: chi ha messo un bambino "contro" sua madre?

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Una vicenda come quella della madre di Carbonia fa pensare che sia mancato un effettivo sostegno alla famiglia di origine, e che l'affidamento sia stato disposto - o, quantomeno percepito dalla donna - in termini appunto "espropriativi" e non di sussidiarietà complementare al suo rapporto con i figli. In nome dell'"interesse del minore" a volte si possono fare atti violenti che ultimamente sono un danno anziché un aiuto alla crescita dei bambini. La morte di questa donna ne è un esempio: un fardello pesantissimo per i figli (che prima o poi lo verranno a sapere) che pure la madre e il tribunale per i minorenni volevano, ciascuno a modo suo, tutelare. 

© Riproduzione Riservata.