BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Il 16 luglio si celebra la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Il 16 luglio del 1251 la Vergine Maria, circondata da Angeli e con in braccio Gesù Bambino, apparve a San Simone Stock, primo priore generale dell’Ordine Carmelitano, a cui consegnò lo scapolare, pezzo di stoffa di saio con apertura per la testa che viene posto sulle spalle o meglio sulle scapole e dove è rappresentata la vergine con una stella a testimonianza della sua Verginità. La Vergine assicurò lui che chiunque avesse indossato lo scapolare sarebbe stato salvato dall'Inferno e chiunque lo avesse indossato in punto di morte sarebbe stato alleviato dalle pene del purgatorio il sabato seguente il decesso. In memoria di questa apparizione venne costituito il 16 luglio come giorno della solenne commemorazione a questa Madonna. Lo scapolare venne adottato da molti Ordini venerandi della Santa Vergine propagandone la lode in tutto il mondo come i Francescani, i Domenicani, gli Agostiniani, i Mercedari, i Servi di Maria e gli stessi Carmelitani.

L'Ordine conobbe due grandi riforme dovute a due santi spagnoli, Giovanni della Croce e Teresa d’Avila che ricostituirono l'antica osservanza della Regola originaria. Nel 1562 Santa Teresa d'Avila fondò il primo Ordine femminile dei Carmelitani Scalzi. Oggi sul Monte Carmelo, alla sommità della città di Haifa, è situato il monastero carmelitano di Stella Maris e il Santuario ottocentesco costruito in onore della Vergine Maria del Carmelo. Nelle opere questa Madonna è rappresentata sempre con Gesù Bambino in braccio, la stella a testimonianza della sua Verginità e con in mano lo scapolare. A volte è rappresentata mentre trae in salvo le anime dal Purgatorio. 

In suo onore sono stati edificati santuari e chiese in ogni parte del mondo e il 16 luglio, preceduto da novene e cantici, viene tradizionalmente portata una sua statua per le vie cittadine in suggestive e secolari processioni a testimonianza anche delle importanti grazie ricevute invocandola. A Carìa, frazione di Drapia in Calabria, si racconta che nel 1897 l'invocazione alla Madonna del Carmelo salvò la vita di Giuseppe Pugliese da un naufragio in ritorno dallAmerica. Pugliese, come ringraziamento alla Vergine, edificò una chiesa in suo onore dove viene ancora oggi conservata la statua che viene portata in processione. A Gangi (Palermo) ha luogo la tradizionale Processione delle Scope, composta da bambini con in mano la scopa come simbolo della purificazione dal peccato. A Gragnano (Napoli) la statua della Madonna del Carmine viene portata per le vie cittadine in due processioni su un carro dorato decorato con dei grappoli di uva che alla fine vengono consegnati alla folla come segno di buona sorte. A Mottola (Puglia) si festeggia Maria Santissima del Carmelo dal XVI secolo dopo una sua apparizione a un pastore del luogo. A Napoli, nella Basilica del Santuario del Carmine Maggiore, è custodita probabilmente la statua più antica che la rappresenta e a causa del suo colore scuro viene chiamata anche Santa Maria la Bruna.

© Riproduzione Riservata.