BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PROCESSO MEDIASET/ Il documento del Pdl: Berlusconi sarebbe assolto ovunque tranne che a Milano

Pubblicazione:

Foto InfoPhoto  Foto InfoPhoto

E' stato reso noto un documento ufficiale a cura del Pdl che analizza l'ormai prossimo processo Mediaset a carico di Silvio Berlusconi, la cui udienza come si sa è stata anticipata al 30 luglio. Una decisione che ha già fatto scattare l'ira del partito per il palese tentativo, dicono, di bloccare l'attività politica del Cavaliere. Nel documento si legge che l'intero procedimento giudiziario sul caso Mediaset (in primo grado Berlusconi è stato condannato a 4 anni di carcere e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici) è fondato su ipotesi accusatorie assurde e risibili, tanto che "in presenza di giudici non totalmente appiattiti sull’accusa e "super partes", sarebbe finito ancor prima di iniziare, con grande risparmio di tempo per i magistrati e di denaro per i contribuenti". Cifre alla mano, nel documento si legge che il procedimento giudiziario è costato allo stato circa venti milioni di euro. Si parla poi di "sporadica frequentazione" con quella persona che l'accusa definisce invece "socio occulto" di Berlusconi nella compravendita dei diritti televisivi e cioè l'americano Frank Agrama. I fatti poi sarebbero già in prescrizione. Temi accusatori dunque portati avanti all'infinito solo per inimicizia ideologica. 



© Riproduzione Riservata.