BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANGELO SCOLA/ Il cristiano passi dalla convenzione alla convinzione

Angelo Scola ha fatto un’ampia riflessione su Milano e sul suo ruolo nel mondo, chiedendosi, anzitutto, se una città vocata ad una visione internazionale possa prescindere da Dio

Infophoto Infophoto

Angelo Scola, interpellato da Il Corriere della Sera, ha fatto un’ampia riflessione su Milano e sul suo ruolo nel mondo, chiedendosi, anzitutto, se una città vocata ad una visione internazionale possa prescindere da Dio. Il vescovo del capoluogo lombardo si è detto convinto del fatto che per la città serva una sorta di rinascimento. «Milano deve trovare nella sua radice popolare la vocazione di sintesi e la voglia di proporsi all’Europa, oltre che al paese, come la rinnovata Mediolanum, luogo di incontro e intreccio di culture. Per questo non basta parlare di valori, bisogna fare e far fare esperienza dei valori». In tal senso, secondo Scola, una società civile può dirsi tale solo quando «non mortifica i corpi intermedi, quando le libertà – di educazione, di intrapresa – sono effettivamente realizzate. Per me una società è autenticamente civile, per esempio, quando poggia sulla famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna, aperta alla vita». Parlando, poi, del ruolo dei cristiani, si è detto convito che essi debbano passare dalla convenzione «alla convinzione nel vivere la fede. Quel che serve oggi per il bene di tutti è una fede convinta. Un compito. Una responsabilità decisiva per Milano. Una città in rapida transizione». Infine, a proposito dell’eventuale accusa di ingerenza indebita, ha spiegato che la Chiesa non è un partito e neppure un’azienda, e che essa non deve conquistare nessuno. «Quello che domandiamo è il legittimo diritto di poter manifestare anche pubblicamente, in maniera rispettosa di tutti, dei diritti di tutti, la fede cristiana che è la nostra ragione di vita».

© Riproduzione Riservata.