BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANTHONY WEINER/ Continua l'incubo sexgate: ma il candidato sindaco nega tutto

Nel 2011 vennero pubblicate alcune foto osè che aveva mandato ad alcune fan su Facebook e adesso un sito di gossip rende nota una chat erotica che avrebbe di recente intrattenuto

Anthony Weiner Anthony Weiner

L'ex deputato democratico Anthony Weiner è di nuovo nei guai: un nuovo sexgate l'ha travolto in pieno e adesso rischia di non poter più aspirare a essere sindaco di New York. Nel 2011 saltarono fuori alcuni sms erotici e foto osè che inviò ad alcune fan che lo seguivano su Facebook e lo scandalo, nonostante lui avesse provato a discolparsi dicendo di essere stato vittima di un raggiro, non solo gli costò il posto al Congresso ma mise a repentaglio anche il suo matrimonio. Adesso però la sua posizione potrebbe aggravarsi, dal momento che il sito di gossip “The Dirty” ha reso note alcune chat a luci rosse e una foto scattata alle parti intime che Weiner avrebbe inviato a una donna sotto lo pseudonimo di Carlos Danger. "Avevo detto che altri messaggi e foto sarebbero probabilmente venuti fuori e oggi è successo", si è discolpato lui dichiarando che le immagini in oggetto risalgono a prima del 2011, ma secondo il "New York Post", la chat erotica è molto molto recente. Per scrolalris di dosso le nuove accuse, l'aspirante primo cittadino della Grande Mela ha persino indetto una conferenza stampa con la moglie Huma Abedin, ex collaboratrice di Hillary Clinton, affermando di non aver nessuna intenzione di ritirare la sua candidatura e parlando dei suoi errori come qualcosa di appartenente a un passato morto e sepolto. "Come ho già detto in passato - si è difeso - queste cose che ho fatto erano sbagliate e dannose per mia moglie. Hanno posto sfide al nostro matrimonio che sono andate oltre le mie dimissioni dal Congresso". Ma su un punto è irremovibile: "Mentre alcune cose postate oggi possono essere vere e altre no, questo comportamento è ormai alle mie spalle. Mi sono scusato e voglio di nuovo dire che mi dispiace".

© Riproduzione Riservata.