BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CAMERA DEI DEPUTATI/ Contro la fanpage di Maurizio Crozza: troppi insulti, tuteliamo i dipendenti

La Camera ha condannato duramente una diffamazione avvenuta tramite la pubblicazione di link che riporterebbero notizie fallaci sugli stipendi dei deputati

Maurizio Crozza (Infophoto)Maurizio Crozza (Infophoto)

La Camera dei Deputati si è scagliata contro la pagina su Facebook “Maurizio Crozza fanpage”, sulla quale è di recente stato condiviso un post del blog “Siamo la gente”, dal titolo “La casta nella casta: baristi guadagnano 110mila euro, i ragionieri 227mila, i ‘consiglieri’ 400mila”, nel quale vengono riportate le cifre dei presunti stipendi di alcuni dipendenti della Camera. Numerosi utenti hanno subito commentato con aspre parole e insulti, tanto che Montecitorio si è visto costretto a intervenire emettendo una nota ufficiale. “In ordine alle affermazioni contenute in alcuni social network ed in particolare a quelle pubblicate nella pagina Facebook Maurizio Crozza fan page, la Camera dei deputati esprime la più ferma condanna per quella che ormai appare come una campagna di diffamazione e di aggressione nei confronti dei propri dipendenti”, fanno sapere i deputati. E la nota continua: “La diffamazione passa attraverso dichiarazioni e notizie false e offensive, come quella secondo la quale i dipendenti della Camera sarebbero 'tutti parenti tra loro e consanguinei' con ciò facendo intendere chissà quali oscure pratiche di assunzione mentre tutto il personale ha superato un concorso pubblico pienamente trasparente e aperto alla partecipazione di tutti i cittadini”, concludendo con “La Camera dei deputati, pertanto, ha già provveduto ad attivare, presso le competenti autorità, tutte le iniziative necessarie a tutela dei propri lavoratori". In tutto questo Crozza non c'entra nulla dal momento che la fanpage è non è quella ufficiale del comico ma gestita da alcuni ammiratori.

© Riproduzione Riservata.