BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MAFIA/ Palermo, allarme attentato per il Pm Di Matteo

Secondo le rilevazioni di un confidente della polizia Cosa nostra sarebbe pronta a colpire di nuovo. L’obiettivo principale sarebbe il sostituto procuratore Nino Di Matteo

infophoto infophoto

Le rilevazioni di un confidente della polizia hanno riportato Palermo al clima agli anni delle stragi. Cosa nostra sarebbe pronta a colpire. L’obiettivo principale sarebbe il sostituto procuratore Nino Di Matteo, tra i protagonisti del processo Mori e di quello sulla presunta trattativa Stato-Mafia. Alcuni capi mafia, in particolare del clan del Brancaccio, dopo diverse riunioni, avrebbero sollecitato un attentato. L’uomo, una fonte attiva nell’ambito degli stupefacenti e ritenuta da tempo attendibile, avrebbe rivelato persino i dettagli dell’operazione: sarebbero pronti quindici chili di esplosivo e un telecomando da utilizzare al più presto. Per il magistrato è stata disposta una difesa costituta dai migliori uomini del reparto scorte, dai carabinieri del gruppo intervento speciale, ovvero le teste di cuoio. A proteggerlo nei suoi spostamenti, sono state anche messe in campo quattro auto blindate. Evidentemente, l’allerta del confidente è stato presa in seria considerazione. In passato, l’allarme era stato fatto scattare da una lettera anonima secondo cui all’attentato sarebbe stato dato il via libera dal superlatitante Matteo Messina Denaro.

© Riproduzione Riservata.