BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BEFFA/ Pesca una spigola da 30kg e vince un milione di dollari, ma...

Pubblicazione:lunedì 29 luglio 2013 - Ultimo aggiornamento:lunedì 29 luglio 2013, 12.41

Rodney e il suo pesce mostro Rodney e il suo pesce mostro

Attenzione ai concorsi, anche a quelli di pesca. E' possibile che qualche tranello si nasconda sempre, specie quando i premi promessi sono davvero sostanziosi, tipo quello da un milione di dollari promesso per chi pescava il pesce più grosso. Un milione di dollari che adesso gli organizzatori del concorso si rifiutano di dare al vincitore. Per quale motivo? Vediamo innanzitutto di che concorso si trattava.

MOSTRO MARINO/ Pesce remo di oltre tre metri rinvenuto su una spiaggia in Svezia

Era organizzato da una azienda americana che produce esche da pesca; il premio da un milione di dollari sarebbe andato a chi avesse pescato rigorosamente con un amo prodotto dall'azienda stessa (la Mustad) la spigolapiù grande. La spigola, detta comunemente branzino, è un pesce molto comune e si trova in grandi quantità nel Mediterraneo e nell'Atlantico (ma si trova anche nell'acqua dolce, la spigola vincente infatti è stata pescata in un lago dell'Arkansas): il problema è pescarne una di notevoli dimensioni.

NUOVA ZELANDA/ L'esperto: il mostro marino australiano? Non esiste...

Rodney Ply, uno dei concorrenti al "Hook a million", pesca un milione, il concorso che metteva in palio il milione di dollari, ci è riuscito: ne ha presa una del perso record di 30,8 chilogrammi. Un pesce davvero notevole come si vede anche dalle foto che l'uomo ha messo sulla Rete. La fortunata pesca è avvenuta il 18 febbraio 2012, ma Rodney non ha mai visto il milione di dollari. I responsabili del concorso infatti lo accusano di aver usato un'esca non regolamentare, la cosiddetta "spreader bar, un'esca artificiale fatta da una barra di acciaio.

ZOOLOGIA/ Il “ragno ruzzolante”: fenomeno della natura o dei media?

Lui dice invece di aver usato una "spinnerbait" fatta da lui stesso ma che comunque non è contraria alle regole del concorso. Adesso l'uomo si è stufato di aspettare e ha deciso di far causa alla Mustad. C'è anche un altro risvolto bizzarro di questo episodio, che la dice lunga di come la sfortuna abbia perseguitato il povero Rodney. Subito dopo aver pescato l'enorme pesce aveva mandato foto e peso alla commissione incaricata. Tre mesi dopo l'invio però gli era stato comunicato che il suo pesce era fuori concorso perché il membro incaricato della commissione non aveva assistito di persona alla pesatura del pesce. Rodney era riuscito però a farlo inserire lo stesso dopo altri tentativi rivolgendosi direttamente all'International Game Fish Association  Poi l'amara sorpresa dell'amo: l'azienda adesso ha venti giorni per rispondere al ricorso del pescatore. 

Clicca qui per leggere l'articolo originale su www.ilsussidiario.net



© Riproduzione Riservata.