BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA FRANCESCO/ L'omelia di Santa Marta: siamo figli di Dio, nessuno ci può rubare questa carta d'identità

Noi siamo salvati in Gesù Cristo e nessuno ci può rubare questa carta di identità. Lo ha detto questa mattina Papa Francesco, nell’omelia durante la Messa a Casa Santa Marta

Foto InfophotoFoto Infophoto

Noi siamo salvati in Gesù Cristo e nessuno ci può rubare questa carta di identità. Lo ha detto questa mattina Papa Francesco, nell’omelia durante la Messa a Casa Santa Marta: “Mi chiamo così: figlio di Dio! Che bella carta di identità! Stato civile: libero! Così sia“, ha esclamato il Pontefice. Al centro dell’omelia, il Santo Padre ha posto il Vangelo della guarigione di un paralitico. In realtà, ha detto Jorge Mario Bergoglio, le guarigioni e le parole forti contro l’ipocrisia sono “soltanto un segno, un segno di qualcosa di più che Gesù stava facendo“. In Gesù il mondo viene riconciliato con Dio, e proprio "questa riconciliazione è la ricreazione del mondo: questa è la missione più profonda di Gesù. La redenzione di tutti noi peccatori e Gesù questo lo fa non con parole, non con gesti, non camminando sulla strada, no! Lo fa con la sua carne! E’ proprio Lui, Dio, che diventa uno di noi, uomo, per guarirci da dentro, a noi peccatori“. “Questo è il miracolo più grande e con questo cosa fa Gesù? Ci fa figli, con la libertà dei figli. Per questo che ha fatto Gesù noi possiamo dire: ’Padre’. Al contrario, mai avremmo potuto dire questo: ’Padre!’. E dire ’Padre’ con un atteggiamento tanto buono e tanto bello, con libertà! Questo è il grande miracolo di Gesù. Noi, schiavi del peccato, ci ha fatto tutti liberi, ci ha guarito proprio nel fondo della nostra esistenza. Ci farà bene pensare a questo e pensare che è tanto bello essere figlio, è tanto bella questa libertà dei figli, perché il figlio è a casa e Gesù ci ha aperto le porte di casa… Noi adesso siamo a casa!“, dice Papa Francesco. Poi conclude: “Quella è la radice del nostro coraggio. Sono libero, sono figlio… Mi ama il Padre e io amo il Padre! Chiediamo al Signore la grazia di capire bene questa opera sua, questo che Dio ha fatto in Lui: Dio ha riconciliato con sé il mondo in Cristo, affidando a noi la parola della riconciliazione e la grazia di portare avanti con forza, con la libertà dei figli, questa parola di riconciliazione. Noi siamo salvati in Gesù Cristo! E nessuno ci può rubare questa carta di identità. Mi chiamo così: figlio di Dio! Che bella carta di identità! Stato civile: libero! Così sia“.

© Riproduzione Riservata.