BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE DEL GIORNO/ Cosa è successo oggi in Italia e nel mondo (sabato 6 luglio)

Cosa sta accadendo in Italia e nel resto del mondo? Nulla di buono, se guardiamo alla notizia che domina la cronaca odierna; continuano, infatti, le violenze in Egitto

infophoto infophoto

Cosa sta accadendo in Italia e nel resto del mondo? Nulla di buono, se guardiamo alla notizia che oggi, sabato 6 luglio, domina la cronaca odierna; continuano, infatti, le violenze in Egitto,dopo la destituzione del presidente Morsi. Siamo, ormai, a livello di guerriglia civile, al punto che gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, e tra sostenitori e oppositori di Morsi, tra venerdì e sabato mattina hanno prodotto 30 morti e circa 200 feriti. Nel frattempo, in Sudafrica, mentre la famiglia continua a litigare su quel che dovrà essere delle spoglie di Mandela, gli stessi familiari negano che il premio Nobel per la pace sia in stato vegetativo. Quando gli si rivolge la parola, aprirebbe gli occhi. Per rimanere distanti, molti distanti da noi, si apprende che a Edward Snowden, la talpa del Datagate che sta dando non pochi grattacapi all’America, avrebbe finalmente trovato un Paese disposto a dargli asilo politico: il Nicaragua. La Colombia, invece, ha messo le manette, a Bogotà, a Roberto Pannunzi, boss dell’ndrangheta, nonché l'uomo più ricercato dal paese. Per inciso, oggi il Dalai Lama compie 78 anni. In Italia, abbiamo poco di cui rallegrarci, dato che è l’economia a prendersi la scena, con la caduta dei consumi medi mensili, nel 2012, del 2,8%, la peggiore dal 1997, quando vennero inaugurate le serie storiche Istat. Contestualmente, come rivela la Cgia di Mestre, l’indebitamento delle famiglie italiane è cresciuto di 134 miliardi, ovvero c’è stato un aumento del 36,5 per cento. Sempre sul fronte economico, si attendono le mosse di Della Valle e la risposta di Rcs, all’interno della quale l’imprenditore marchigiano vorrebbe diventare primo azionista riuscendo ad accaparrarsi il 15 per cento dell’inoptato. Sul fronte politico, è ancora una volta Renzi ad emergere: il sindaco di Firenze, ancora una volta, non risparmia le sue stoccate al governo, invitandolo a cercare di non agire esclusivamente per accontentare il Pd. Venendo allo sport, sembra ormai definitivo il passaggio di Edinson Cavani al Paris Saint Germain per la modica cifra di 64 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata.