BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOZZE GAY/ Congedo per matrimonio: un imprenditore italiano lo concede ai dipendenti omosessuali

Pubblicazione:giovedì 1 agosto 2013 - Ultimo aggiornamento:giovedì 1 agosto 2013, 19.04

infophoto infophoto

Umberto Costamagna, 58enne, imprenditore titolare della società Call & Call, che si definisce cattolico, peccatore e praticante, ha deciso di concedere il congedo per matrimonio anche ai gay. E lo ha fatto istituzionalizzando l’iniziativa attraverso un accordo stipulato con i sindacati, che decorrererà dal primo agosto. Dunque, gli omosessuali che si sposeranno all’estero - dato che in Italia il matrimoni è considerato, per dettame costituzionale, esclusivamente quello eterosessuale – potranno godere di due settimane di ferie retribuite. Costamagna ha detto di averne parlato con il suo parroco, il quale gli avrebbe detto che non ci sarebbe nulla di male. E ha deciso di concedere il congedo dopo che una sua dipendente, Elisa, lo aveva chiesto per potersi sposare in Germania, il 30 settembre, con Valentina. Di concerto con il consiglio d’amministrazione dell’azienda, quindi, ha deciso di estendere l’opzione a tutti i dipendenti. «Riconoscere i diritti delle persone – spiega l’imprenditore -, farle stare bene non è buonismo: significa farle lavorare meglio. Come dice il cardinale Dionigi Tettamanzi, l’etica nel mondo dell'impresa non è un freno, è un’accelerazione».



© Riproduzione Riservata.