BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ORARIO CADENZATO TRENI/ Veneto: i sindaci dei piccoli centri in rivolta

Parte l’orario cadenzato in Veneto. E’ stato presentato il piano del trasporto regionale, che sarà approvato a fine mese e che prevede gli orari dei treni ad intervalli regolari

infophoto infophoto

Parte l’orario cadenzato in Veneto. E’ stato presentato il piano del trasporto regionale, in Regione, che sarà approvato a fine mese e che prevede gli orari dei treni ad intervalli regolari. Si prevedono, in particolare, collegamenti a due velocità. Molto rapidi tra i capoluoghi, più lenti tra i piccoli centri e nelle tratte meno frequentate. Il sistema ferroviario assomiglierà sempre più a quello metropolitano. Portando con sé anche i relativi inconvenienti. I pendolari, infatti, per raggiungere i piccoli centri dovranno abituarsi a cambiare più spesso. Per Trenitalia e per l’assessore regionale ai Trasporti, Renato Chisso, si tratta di una rivoluzione in meglio. i passeggeri dovranno leggermente adattarsi, ma ci saranno più servizi. Non la pensano allo stesso modo i piccoli centri, convinti del fatto che il sistema potrebbe funzionare esclusivamente nel caso in cui i treni saranno sempre e solo in perfetto orario, con cambi precisissimi. C’è chi, come il sindaco di Calalzo, Luca De Carlo, che annuncia il fronte compatto dei sindaci bellunesi, chiedendo a gran voce se la Regione intenda «mantenere la tratta ferroviaria che arriva a Calalzo. E, se sì, se è intenzione della stessa Regione consentire che il cuore delle Dolomiti, patrimonio dell’umanità, possa essere raggiunto da una ferrovia efficiente oppure da carrozze, al pari dei servizi, da terzo mondo come quelle di oggi». Dal canto suo, la Filt-Cgil ricorda che parlare di orario cadenzato quando, ogni giugno, ci sono dalle 20 alle 30 soppressioni è fuorviante. Ci saranno, probabilmente, problemi per i pendolari che si spostano dal Veneto alla Lombardia e, in particolare, dal Veneto orientale alla Lombardia. Attualmente, infatti, oltre a 4 costose Frecce, esistono 4 interregionali che saranno sostituiti da un numero maggiore di convogli, 13 sembra, che tuttavia non saranno diretti ma obbligheranno a dei cambi.  

© Riproduzione Riservata.