BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIP E LIBERTA'/ Perché "vogliamo" essere controllati?

Pubblicazione:giovedì 15 agosto 2013

I Google Glass (Infophoto) I Google Glass (Infophoto)

Al di là di questi estremi, torniamo al punto cruciale. L’informazione, una volta digitalizzata, diviene accessibile e (ri)producibile. Ma questo flusso di dati forniti consapevolmente si aggiunge alle innumerevoli tracce che lasciamo intorno a noi, che possono venire senza difficoltà raccolte, conservate, e trasmesse. Solo la quantità smisurata di tali informazioni rende relativamente improbabile e comunque diseconomica la loro raccolta più ampia e un’attenzione rivolta specificamente al singolo individuo. Il sogno di Bentham, quel panopticon in grado di scrutare ciascuno momento per momento, non si realizza solo perché la sua possibilità si accompagna di pari passo con l’esplosione dei dati, ossia con la loro incontrollabilità.

Ma anche se possiamo, almeno in questa luce, dormire sogni relativamente tranquilli, resta inquietante la linea di tendenza. Come ho osservato l’ideologia dell’autonomia viene messa in crisi dalla ricerca di una consulenza esperta capace dei giusti suggerimenti. L’epoca che non riconosce nessun tipo di saggezza ne ammette un succedaneo nelle indicazioni tecniche. La tecnica fa le veci degli anziani, dei maestri di vita, dei filosofi, o delle figure sacerdotali. Si conferma che, in realtà, non esiste struttura sociale senza una riserva di orientamento assiologico, anche e soprattutto quando non ne è consapevole (ma che non ne sia consapevole mette gli uomini che appartengono a tale società in una condizione contraddittoria e instabile).

E ancora più allarmante è che questa consulenza tecnicamente ammantata tenda ad abolire lo spazio della privacy. È quando perdiamo contatto o rinunciamo a tale spazio che la libertà diventa impossibile. Il fatto è che tanto più la libertà pare regnare indiscussa nel contemporaneo, tanto meno ne viene riconosciuta la radice difficile: che è quella dell’individuo e della sua irriducibile e non delegabile interiorità.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.