BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Gli atei più intelligenti dei credenti? Meno male che siamo "stupidi"...

Caravaggio, Incredulità di San Tommaso (1600-1, particolare) (Immagine d'archivio)Caravaggio, Incredulità di San Tommaso (1600-1, particolare) (Immagine d'archivio)

Certo… non era scomponibile in molecole o identificabile in un certo tipo di sostanza, probabilmente era anche complesso da fotografare o da portare al più vicino ospedale per farGli una radiografia… Ma le posso assicurare che c'era, le posso assicurare che c'è! 

Ne ho le stesse prove che suo figlio può vantare quando, cucinando per lui un bel hamburger, egli non si agita e non lo porta in laboratorio ad analizzare, timoroso che lei possa averlo avvelenato. Suo figlio si fida di quello che lei cucina, suo figlio ha fiducia in lei. Le dà credito perché ha negli occhi e nel cuore come lo ha cresciuto, come lo ha amato,  come non lo ha mai mollato in nessun istante della vita. E fa bene. Perché la vita non è fatta solo delle cose che si contano o che si possiedono, la vita è fatta soprattutto delle cose che si amano. E per vederle, quelle cose, non basta decidere o sapere. Bisogna essere intelligenti. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/08/2013 - L'intelligenza (luisella martin)

La capacità di capire, che chiamiamo intelligenza, non é facile da definire e tantomeno da affibbiare a questo e quell'altro. Provarono gli americani a misurarla con i famosi test, riducendoa ad una frazione, ma si accorsero ben presto che si trattava di una funzione che cambiava nel tempo. I test avremmo dovuti farli quasi ogni giorno e mancava un'unità di misura! Venne a Roma, alla facoltà di matematica della seconda Università,da Pisa, una simpatica e colta signora a guidare un seminario sull'intelligenza. Chiese ad ognuno dei presenti di scrivere, ciascuno su un fogliettino, che cosa intendevamo per intelligenza. Alla fine lesse le nostre definizioni e le commentò:erano tutte diverse, profondamente diverse l'una dall'altra. Se é difficile dire chi sono gli uomini intelligenti, é ancora più difficile dire chi sono i credenti e definire quali ambiti accettare per definire la fede:nella scienza? Nell'astrologia? In Cristo? Nelle teorie elettromagnetiche? Credere nei buchi neri e nell'orizzonte degli eventi è forse più intelligente che credere nel messaggio evangelico? Secondo me, alla fine, vale la considerazione che sono solo gli stupidi a credere di essere più intelligenti di altri!