BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Napoli, chi spara agli immigrati non ha gli "alibi" della camorra

Pubblicazione:

Napoli (Infophoto)  Napoli (Infophoto)

Seria, la questione è seria. Gambizzare una persona di colore e sparare a un’altra, mancandola, nel pieno centro di Napoli e nel giro di pochi giorni non è certo una notizia incoraggiante. Ma neanche da incoraggiare dandole più notorietà di quello che merita fino al punto da farla diventare degna di emulazione.

Se di teste calde si tratta, di giovinastri annoiati che giocano nel buio della notte al tiro all’immigrato senza altra ragione che procurarsi un divertimento estremo, allora qualche farabutto della stessa risma, ingolosito dal fragore mediatico, può decidere di fare lo stesso per togliersi lo sfizio o dimostrare di non essere da meno.

La madre degli imbecilli, come si sa, è sempre incinta. E d’imbecilli patentati deve trattarsi a prescindere che si sia di fronte a un fenomeno seriale o a casi isolati anche se accostabili. La camorra non aggredisce per il gusto di farlo. Di norma ha una ragione ben precisa e non ama certo richiamare l’attenzione con bravate come queste.

A meno che, ma saranno le indagini a dirlo, dietro i colpi fumanti non ci sia qualcos’altro rispetto a quanto finora emerso. Allora il gesto oggi attribuito alla noia di qualche bravo potrebbe avere il significato di un avvertimento. Ma a chi? E per cosa? I bersagli umani non danno per il momento alcuna informazione.

Certo, tutta la storia assume un colore speciale perché ambientata a Napoli: nell’immaginario collettivo il set ideale per azioni violente e, perché no?, anche stravaganti. Quello che in altri contesti è raccontato in un trafiletto sotto un titolo spento, nella città di Eduardo e Totò diventa commedia o tragedia da dipingere a tinte forti.

Eppure le più recenti indagini dimostrano che per volume di reati la palma spetta a Milano seguita da Roma. Milano, Roma e Bologna primeggiano anche nella classifica dei crimini per popolazione. Genova, è una curiosità, vince per quantità di scippi e Bologna per i furti negli esercizi commerciali.

E Napoli? È imbattibile nelle truffe, nelle frodi e nelle estorsioni – cattiveria e fantasia – tutte nobili attività che minano alla radice il mondo degli affari contribuendo a fiaccare la fiducia negli operatori, a indebolire il sistema delle imprese, a deprimere il tenore dell’economia che infatti è tra le più malmesse del Paese.

I morti ammazzati sono sempre troppi, circa sessanta l’anno nell’ultimo periodo sugli oltre cento riguardanti la Campania. Qui l’invadenza criminale spiega quasi tutto. Regolamenti di conti, guerre per bande e volontà di controllo su uomini e risorse sfociano spesso nella distruzione fisica dell’avversario o presunto tale.


  PAG. SUCC. >