BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Perché Francesco chiede alle donne un cuore pieno d'inquietudine?

Pubblicazione:giovedì 29 agosto 2013

Vittore Carpaccio, Sant'Agostino nello studio (1502) (Immagine d'archivio) Vittore Carpaccio, Sant'Agostino nello studio (1502) (Immagine d'archivio)

Da colei che senza sosta "ha cercato il bene della persona amata", fino alle lacrime. Ci sono oggi donne disposte ad amare così? Capaci di piangere per la conversione dei propri figli (ma anche dei propri compagni o mariti), di commuoversi, attraversate dall'inquietudine dell'amore, quella che viene dopo la ricerca di Dio e l'incontro con Dio?

Forse abbiamo bisogno di donne capaci di versare lacrime per i propri figli, di inondare la terra di pianto e riempire il cielo di preghiere. Allora con tutta probabilità diventerebbero inutili le indagini sullo stato della fede, i tristi convegni ecclesiali sulla trasmissione del Vangelo, le strategie per trattenere chi dopo l'iniziazione cristiana fugge attirato dalle stelle cadenti. Abbiamo bisogno di donne di fede, per avere uomini di fede. Un buon punto di partenza per quella teologia della donna invocata da Papa Francesco.  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
01/09/2013 - donne e uomini (luisella martin)

Non mi era parso che Papa Francesco avesse chiesto un cuore pieno d'inquetudine solo alle donne, come recita il titolo. "Abbiamo bisogno di donne di fede, per avere uomini di fede!" sembra concludere l'articolista. Le donne sembrano avere in sé solo due possibilità: essere sante come la mamma di Agostino, oppure peccatrici come Eva! Leggendo l'articolo sembrerebbe che la responsabilità di generare uomini di fede sia solo loro. Le cose non stanno così a parer mio e mi spiace dover constatare che anche nelle giovani generazioni permanga questo pregiudizio. E' il famoso problema dell'uovo e della gallina: chi é nato prima? Se la mamma di Agostino avesse avuto un padre indifferente o padrone, si sarebbe santificata? Avrebbe passato la vita a piangere o si sarebbe rallegrata dei successi del figlio? Il cuore pieno di inquietudine il nostro amato Papa Francesco lo chiede a tutti, non solo alle donne, perché lui non é un maschilista e sa andare contro corrente!