BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

METE D’ESTATE/ Quell’hotel ai piedi del Monte Rosa dove servono il camoscio al whisky

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Prendete la strada per la Val Sesia, meta conosciuta per gli appassionati di Rafting e andate su fino a Rima, un piccolo paese sotto il Monte Rosa. Andateci perché oggi c'è un gioiello, il Laida Weg Experience hotel, ovvero un albergo che hanno inaugurato il 30 giugno, dopo 8 anni di lavoro e 13 milioni di investimento. L'iniziativa è stata di un costruttore milanese, Flavio Tognon, che ha voluto regalare un'attrattiva al paese, ma anche alla moglie Elena Gaboardi e ai suoi tre figli Camilla, Alberto e Francesco. E alla fine la moglie ha deciso di abitarci tutto l'anno. Non l'aveva messo in conto, quando nel 1985 prese una villetta in questa frazioncina; oggi ne è stata conquistata. “Non credo che ci guadagnerò – dice Tognon – anche perché oggi l'edilizia è in crisi e anche il turismo. Però è proprio nei momenti come questi che si deve lasciare qualcosa, si deve scommettere”. Insomma un'altra storia che ha a che fare con quel “principio di restituzione”, per cui un imprenditore decide di andare in controtendenza e offre occupazione e orgoglio a un'area turistica fantastica. Così le maestranze arrivano dalla scuola alberghiera di Varallo Sesia (una delle più serie che abbia conosciuto, grazie all'opera del professor Orsi) e il giovane chef proviene dall'Alma di Colorno. Tutta la struttura, che ha 20 bellissime camere, una Spa attrezzatissima provvista di sauna, bagno turco, idromassaggio e percorso kneipp, oltre a un lounge bar e a un ristorante è costruita secondo i criteri dell'ecocompatibilità. E i termocamini vanno a riscaldare tutte le tubature che partono da una caldaia alimentata con legno riciclato. Geniale. Poi Tognon si è ispirato ai locali della Scozia, creando un parallelo con la cultura Walser della zona, che ricorre nel pub interno "Der Ormu Sura", specializzato in whisky accuratamente selezionati da esperti, tutti affinati in botti di legno per lungo tempo e a tutti gli effetti una specialità imperdibile. Anche il cibo non è da meno, con il ristorante "Ds verloque tol". Qui la cucina, col giovane Damiano Miano, di origine pugliese, spazia dai piatti locali ai menu venai e gluten free.


  PAG. SUCC. >