BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Padre Greg Reynolds è stato scomunicato. Era a favore delle nozze gay

Pubblicazione:giovedì 26 settembre 2013 - Ultimo aggiornamento:giovedì 26 settembre 2013, 17.05

Infophoto Infophoto

Padre Greg Reynolds, un sacerdote australiano, è stato scomunicato. Si è trattato, per la precisione, di una scomunica latae sententiae, ovvero automatica, conseguente all’essersi posto in una condizione che, secondo il Diritto canonico, produce l’immediata esclusione dai sacramenti. Ma è pur sempre un provvedimento su cui va apposta la firma del Papa. Si è trattata, dunque, della prima scomunica del pontificato di Francesco. La notizia è stata diffusa dal National Catholic Reporter, portale con sede a Kansas City, secondo il quale il prete ha ricevuto comunicazione del provvedimento da parte dell'arcivescovo della Diocesi di Melbourne, Denis Hart. La sua colpa consisterebbe nell’aver pervicacemente e coscientemente affermato la liceità del matrimonio gay e del sacerdozio femminile. La pratica, istruita dalla Congregazione per la Dottrina della Fede sotto il Pontificato di Benedetto XVI e giunta a termine con l’attuale, è successiva alla sospensione a divinis precedentemente inflitta al sacerdote; significa, cioè, che pur restando prete non poteva amministrare i sacramenti. Reynolds aveva ignorato il divieto e continuato tranquillamente a celebrare messa.



© Riproduzione Riservata.