BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

MADRE TERESA/ Da Calcutta alla Siria, la pace è guardare il vero volto degli uomini

Giovanni Paolo II con madre Teresa di Calcutta (Infophoto)Giovanni Paolo II con madre Teresa di Calcutta (Infophoto)

Quella verità che negli occhi di madre Teresa diventava dialogo, forza, esperienza, quella verità che sapeva dire all’altro, ad ogni altro, “tu sei un bene”, riconsegnando ad ogni respiro dignità e umanità. È questo che ci manca, ed è per questo che non sappiamo più fare la pace. Perché, in fondo, non sappiamo più guardare e stimare la vita. Quando permettiamo ad una madre di uccidere il proprio figlio nel grembo – chiamando tutto questo “interruzione di gravidanza” – quando permettiamo ai capricci dell’amore di devastare le nostre famiglie e le nostre istituzioni – chiamando questi processi “maturazione” o “modernizzazione” – allora è evidente che il nostro problema non è la Siria, ma che la Siria ci fa vedere, drammaticamente, che il nostro problema è la vita. Una vita che non sappiamo più guardare, una vita cui noi non sappiamo più riconsegnare valore, quel valore per cui Madre Teresa è diventata grande.

Ad oggi non sappiamo come finirà la vicenda siriana, che cosa accadrà a questo mondo così stanco da volersi solo suicidare, ma siamo certi che lo sguardo di cui abbiamo bisogno c’è, esiste. Lo abbiamo visto negli occhi di madre Teresa, lo vediamo ogni giorno negli occhi dei Santi. Di questo noi siamo testimoni e per questo noi possiamo, e dobbiamo, continuare ad essere la memoria del mondo. Non perché più furbi o più santi degli altri, ma perché, molto banalmente, abbiamo visto, abbiamo toccato, il Verbo della Vita.

Grazie Teresa di Calcutta perché la tua memoria, il tuo sguardo, ci costringono alla verità, ci costringono a urlare al mondo, insieme a Francesco, il nostro bisogno di pace, il nostro bisogno di umanità. Forse tanti di noi hanno dimenticato il posto e l’ora, forse abbiamo dimenticato anche se era notte o c’era il sole, ma nessuno – Teresa – ha dimenticato che cosa dicevano i tuoi occhi.

© Riproduzione Riservata.