BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA FRANCESCO/ Omelia di Santa Marta: il nostro è il Dio delle sorprese e delle novità

“La Parola di Dio è viva ed efficace, discerne i sentimenti ed i pensieri del cuore”. Lo ha detto Papa Francesco per spiegare che la libertà cristiana sta nella “docilità alla Parola di Dio”

Papa Francesco (InfoPhoto) Papa Francesco (InfoPhoto)

“La Parola di Dio è viva ed efficace, discerne i sentimenti ed i pensieri del cuore”. Papa Francesco, nella consueta Messa mattutina a Casa Santa Marta, è partito da questa considerazione per spiegare che la libertà cristiana sta nella “docilità alla Parola di Dio”. Il Vangelo, ha detto il Pontefice, “è novità. La Rivelazione è novità. Il nostro Dio è un Dio che sempre fa le cose nuove e chiede da noi questa docilità alla sua novità". Nel Vangelo, "Gesù è chiaro in questo, è molto chiaro: vino nuovo in otri nuovi. Il vino lo porta Dio, ma dev’essere ricevuto con questa apertura alla novità. E questo si chiama docilità. Noi possiamo domandarci: io sono docile alla Parola di Dio o faccio sempre quello che io credo che sia la Parola di Dio? O faccio passare la Parola di Dio per un alambicco e alla fine è un’altra cosa rispetto a quello che Dio vuole fare?”. Noi dobbiamo quindi sempre “cercare di adattarci, di adeguarci a questa novità della Parola di Dio, essere aperti alla novità”. Il Papa ha quindi ribadito che la libertà cristiana e l’obbedienza cristiana "sono docilità alla Parola di Dio, è avere quel coraggio di diventare otri nuovi, per questo vino nuovo che viene continuamente. Questo coraggio di discernere sempre: discernere, dico, non relativizzare. Discernere sempre cosa fa lo Spirito nel mio cuore, cosa vuole lo Spirito nel mio cuore, dove mi porta lo Spirito nel mio cuore. E obbedire. Discernere e obbedire". Poi ha concluso: "Chiediamo oggi la grazia della docilità alla Parola di Dio, a questa Parola che è viva ed efficace, che discerne i sentimenti e i pensieri del cuore".

© Riproduzione Riservata.