BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SANTO DEL GIORNO/ Il 20 gennaio si celebra San Sebastiano

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

I soldati che lo assassinarono, pensando che fosse perito, lo lasciarono sul posto, per far sì che gli animali lo mangiassero. Tuttavia, il santo non era ancora morto, e venne curato da Sant'Irene, che lo trasportò nella sua dimora. Una volta guarito del tutto, miracolosamente, si recò da Diocleziano, che era intento alle celebrazioni dedicate al Sole Invitto: Sebastiano si dichiarò cristiano pubblicamente, e redarguì molto duramente l'imperatore per le sofferenze inferte alla gente cristiana. Diocleziano, profondamente sorpreso, ordinò allora che, colui che una volta era stato suo affezionato servitore, venisse flagellato a morte, e dispose che il suo cadavere venisse gettato nella Cloaca Maxima. La flagellazione avvenne nel 304, all'interno dell'ippodromo del Palatino. San Sebastiano è divenuto, nel corso del tempo, il protettore di innumerevoli categorie: i militari, i costruttori di aghi, la Guardia svizzera pontificia, gli arcieri, la polizia municipale.

© Riproduzione Riservata.