BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IL CASO/ Dove ci porta la maratona del pensiero unico?

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Così come Stalin e Mao - e qualche loro epigono asiatico o africano - mandavano e mandano nei gulag e nei laogai chi non si sottomette alle “leggi” dello Stato per il figlio unico, l’aborto selettivo, il genocidio razziale? La maglia di una grande dittatura si stende ad avvolgere pensieri e azioni: chi non la pensa “secondo legge” e non agisce come tutti, va fatto fuori. E se uno ci tiene di più alla sua dignità e libertà che non alla dittatura del pensiero unico, che cosa gli succede?

© Riproduzione Riservata.