BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ Il 28 gennaio si celebra San Tommaso d'Aquino

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Il 28 gennaio si festeggia San Tommaso d'Aquino, venerato come santo sia dalla Chiesa cattolica che da quella luterana. Si tratta di uno dei più grandi filosofi e teologi della storia cristiana. Nato a Roccasecca, in provincia di Frosinone, nel 1225, Tommaso era figlio di Landolfo d'Aquino e Donna Teodora, facente parte della dinastia napoletana dei Caracciolo. Fin da piccolo, come da tradizione, fu destinato alla vita di chiesa e soli cinque anni fu inviato come oblato all'Abbazia di Montecassino. Durante la sua infanzia, infiammava la perenne lotta tra Impero e Papato, e Tommaso fu trasferito da suo padre a Napoli per approfondire i suoi studi religiosi. Si iscrisse a 14 anni all'Università fondata da Federico II, e dopo altri cinque anni entrò nell'ordine dei Domenicani. I genitori volevano che lui uscisse dall'ordine dei frati predicatori per proseguire la sua scalata al vertice dell'Abbazia di Montecassino: lo catturarono e lo portarono al Castello di Monte San Giovanni Campano, prima di trasferirlo a Roccasecca. Ma Tommaso non cambiò idea e fu riportato a Napoli: Landolfo e donna Teodora si rassegnarono. Tommaso fu inviato a Roma per motivi di sicurezza, dove conobbe il maestro Giovanni il Teutonico che lo indirizzò a Parigi e a Colonia, dove il giovane studiò le arti e assimilò perfettamente il pensiero del suo insegnante, Fra' Alberto. A soli 27 anni, Tommaso divenne baccelliere e poté insegnare nella capitale francese, nella quale fu in grado di insegnare liberamente i libri di Aristotele, uno dei suoi fondamenti classici insieme a Platone e Socrate. Nel 1259, tornò in Italia: prima a Orvieto e poi a Roma come maestro reggente, dove iniziò a scrivere la sua "Summa Theologiae" e altri scritti filosofici, economici e morali. Nel frattempo, lavorò anche con la corte papale. In seguito, Tommaso tornò ad insegnare a Parigi, si occupò della Sacra Pagina e commentò il Nuovo Testamento, diventando un autore e scrittore a tutto tondo. Negli ultimi suoi anni di vita, il frate fondò uno Studium generale di teologia a Napoli, su sollecito di Carlo I d'Angiò. Mentre celebrava una messa nella Cappella di San Nicola a Roma, Tommaso non ne poté più: si disfece del suo materiale per scrivere e smise di dettare. Partecipò al Concilio di Lione, convocato da Gregorio X, prima di ammalarsi e morire il 7 marzo 1274 a Fossanova, in provincia di Latina. Il suo pensiero filosofico è insegnato in tutte le scuole. 


  PAG. SUCC. >