BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Cristina alle lavoratrici Micron: se abortite, perderete anche voi stesse

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Una lettera dai contenuti fortemente drammatici, quella che i responsabili della Fim Cisl hanno inviato al Papa per conto di alcune lavoratrici della multinazionale americana Micron che stanno per perdere il lavoro. Si tratta di circa 400 esuberi in tutta Italia e tra loro, si legge nella lettera, anche diverse donne entrate in stato di gravidanza da poco. "Abbiamo registrato la volontà di alcuni che, presi dallo sconforto e dalla disperazione, pensano di ricorrere all'interruzione di gravidanza perché non potranno garantire un futuro dignitoso ai propri figli" si legge. E ancora. "Non hanno la forza per credere nel dono della vita". Ilsussidiario.net ha parlato con Cristina Betti, una donna che ha vissuto una esperienza analoga, la disoccupazione del marito di fronte a tre figli da crescere: "Il mondo in cui viviamo ci può purtroppo portare a considerazioni come queste" ci ha detto, "ma sono proprio quei bambini che portano in grembo, che queste donne devono guardare per ritrovare la speranza negata. E' dall'accoglienza della vita che nasce ogni cosa".

Cristina, il cui marito adesso fortunatamente ha trovato un lavoro, vive un'altro dramma, quello della malattia: "Ma io sono contenta, questa malattia è una nuova avventura attraverso la quale posso testimoniare che Dio è presente e non abbandona mai nessuno. Lo dico anche a quelle donne che stanno perdendo il lavoro, dico quello che ci ha detto il Papa: non perdete mai la speranza".

 

Davanti a una donna che vuole abortire perché ha perso il lavoro, qual è la sua prima reazione?

La prima cosa che viene da pensare è che ovviamente quella è la reazione istintiva che si ha davanti a questo tipo di situazioni, alle prove cui la vita mette davanti. Un essere umano purtroppo vacilla e si dispera quando pensa di aver perso tutto. Ma dobbiamo invece guardare a qualcosa di più alto del nostro limite. 

 

A che cosa?

Sono proprio i bambini che quelle mamme aspettano, che dovrebbero suggerir loro i valori cui affidarsi, perché è proprio dalla vita che nasce e comincia tutto. Il dono della vita che hanno dentro di loro le faccia avere speranza nel futuro, quei bambini sono la speranza del futuro, anche se loro adesso vedono che questo futuro è negato.

 

Forse decisioni così forti come l'aborto vengono anche dal contesto di solitudine in cui molti vivono oggi?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
30/01/2014 - Non toglieteci la speranza di nascere. (claudia mazzola)

Quante volte ho sentito: "come si fa a fare un bambino in questo mondo con tanto male e tribolazioni". Perchè ce n'è forse un altro di mondo?