BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA FRANCESCO/ Omelia di Santa Marta: gli uomini hanno perso il senso del peccato

L'uomo moderno ha perso il senso del peccato e pensa di essere diventato antropologicamente una superpotenza. Ecco cosa ha detto il Papa oggi durante l'omelia di Santa Marta

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Papa Francesco nella consueta omelia durante la messa mattutina ha parlato diffusamente della perdita del senso di peccato da parte dell'uomo moderno, una perdita che, ha detto, è conseguenza della perdita del senso del Regno di Dio. Al posto di questo gli uomini  hanno messo una "visione antropologica superpotente" che fa credere loro di poter tutto. Lo spunto è stata la lettura biblica del giorno, quando Davide manda a combattere e quindi a morire il marito di Betsabea perché si è invaghito di lei. "Davide si trova davanti a un grosso peccato, ma lui non lo sente peccato" ha detto Francesco. "Non gli viene in mente di chiedere perdono. Quello che gli viene in mente è: 'Come risolvo questo?' A tutti noi può accadere questa cosa. Tutti siamo peccatori e tutti siamo tentati e la tentazione è il pane nostro di ogni giorno. Se qualcuno di noi dicesse: 'Ma io mai ho avuto tentazioni', o sei un cherubino o sei un po' scemo, no? Si capisce... E' normale nella vita la lotta e il diavolo non sta tranquillo, lui vuole la sua vittoria. Ma il problema - il problema più grave in questo brano - non è tanto la tentazione e il peccato contro il nono comandamento, ma è come agisce Davide. E Davide qui non parla di peccato, parla di un problema che deve risolvere. Questo è un segno! Quando il Regno di Dio viene meno, quando il Regno di Dio diminuisce, uno dei segni è che si perde il senso del peccato". Nel cosro della sua omelia ha poi detto: ""Io vi confesso, quando vedo queste ingiustizie, questa superbia umana, anche quando vedo il pericolo che a me stesso avvenga questo, il pericolo di perdere il senso del peccato, mi fa bene pensare ai tanti Uria della storia, ai tanti Uria che anche oggi soffrono la nostra mediocrità cristiana, quando noi perdiamo il senso del peccato, quando noi lasciamo che il Regno di Dio cada... Questi sono i martiri dei nostri peccati non riconosciuti. Ci farà bene oggi pregare per noi, perché il Signore ci dia sempre la grazia di non perdere il senso del peccato, perché il Regno non cali in noi. Anche portare un fiore spirituale alla tomba di questi Uria contemporanei, che pagano il conto del banchetto dei sicuri, di quei cristiani che si sentono sicuri".

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
31/01/2014 - Parole (luisella martin)

Semplici, vere, inedite le parole del Papa. E' stato bellissimo ed emozionante leggere questo articolo. Grazie.