BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Christiane, si può morire per ciò che non si vede?

Pubblicazione:domenica 5 gennaio 2014

Una foto tratta dal profilo Facebook di Christiane Seganfreddo Una foto tratta dal profilo Facebook di Christiane Seganfreddo

La bellezza che sta nella nostra anima, Christiane, è un dono che ha sempre, costantemente bisogno di noi. Ma nelle montagne l'uomo cerca l'infinito, per questo nessuna di esse potrà mai appagare il nostro sguardo, anche se le vedessimo tutte, da tutti i punti di vista e in tutta la loro magnificenza possibile. Chissà quante volte hai pensato a tutti coloro che avevano davanti ciò che tu vedevi e che per loro nemmeno esisteva; quanto poco se ne facevano dell'infinita varietà delle montagne, che per loro erano solo potenziali cave di pietra senza nome. I nomi, fa dire Jan McEwan a un suo personaggio, hanno la straordinaria proprietà di rendere un fatto osservabile. Ecco perché tante cose non esistono per i molti che pure le vedono. Che indifferenza inconcepibile. Quando la vista diminuisce, lo spazio viene recuperato altrove. Forse non potrai accompagnare in giro tuo figlio, ma lui ha bisogno di te perché stando con te erediterà il tuo sguardo. 

Vogliamo tutti credere che, nel gelo di un riparo, ora Christiane Seganfreddo pensi all'abbraccio dei suoi cari. Se non capiamo di essere dono a noi stessi, cioè di essere figli, anche la bellezza che abbiamo tanto cercato assisterà muta al nostro sacrificio.

(Federico Ferraù)




© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
05/01/2014 - Una sola precisazione, statistica... (Anna Di Gennaro)

L'articolo di Federico Ferraù è davvero bello e degno di una postilla estrapolata da uno dei documenti che abbiamo approntato un paio d'anni fa assieme allo specialista, referente scientifico dello sportello per insegnanti in difficoltà di cui sono responsabile. "Francia (2006) e Regno Unito (2009) hanno rilevato che il tasso suicidario tra gli insegnanti è il più alto in assoluto se comparato con quello dell’intera popolazione. L’Italia non raccoglie dati in proposito".