BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Ecco perché giornali e paladini gay non vogliono capire Francesco

Pubblicazione:domenica 5 gennaio 2014 - Ultimo aggiornamento:domenica 5 gennaio 2014, 10.46

Papa Francesco abbraccia un bimbo brasiliano (Infophoto) Papa Francesco abbraccia un bimbo brasiliano (Infophoto)

Sono loro che hanno fatto il resto, siamo noi che abbiamo capito che cosa dovevamo fare. Se qualcuno pensa che il Papa abbia deciso di cambiare la fede o la morale della Chiesa, aggiornandola o deturpandola a seconda dei punti di vista, non sta interpretando le parole del Pontefice, ma sta semplicemente facendo fuori Cristo, il Suo metodo, la Sua contemporaneità. E se questo è comprensibile per coloro che comunque la Chiesa l'hanno sempre odiata, e che usano Francesco come mascotte del proprio nichilismo, è più difficile da accettare per i battezzati che quella misericordia l'hanno proprio sperimentata. Eppure accade anche questo sotto il Cielo d'Italia. Essere guariti dalla lebbra e dimenticarsi di tornare indietro a ringraziare, dimenticandosi di Chi ci ha guariti e di come Egli lo abbia fatto. Sembra una banale dimenticanza, invece è la testimonianza più solare di quanta strada ci sia ancora da fare. Non per mettersi in regola, ma per lasciarsi davvero abbracciare da Cristo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
06/01/2014 - Molto bene! (Luigi PATRINI)

Belle e chiare le osservazioni e le considerazioni proposte. Aiutiamoci a capirle e a ...viverle davvero!

 
05/01/2014 - Capire Papa Francesco richiede disponibilità (Giuseppe Crippa)

Accetto volentieri la puntualizzazione espressa con efficacia ed esempi incisivi: "A nessuno di noi Cristo ha chiesto di essere diversi per incontrarci...", però è anche vero che giornali e paladini gay sembrano chiedere a Cristo (e quindi a Papa francesco) di essere diverso per incontrarli…