BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RINNOVO PATENTE/ Dal 9 gennaio nuova procedura: ecco come si rinnova! I limiti di età

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

immagine d'archivio  immagine d'archivio

RINNOVO PATENTE: COME CAMBIANO LE REGOLE? ECCO I LIMITI DI ETA' Nonostante le novità introdotte dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, rimangono invariati i limiti di età per il rinnovo della patente di guida. Quelle di categoria AM, A1, A2, A, B1, B e BE sono valide quindi per dieci anni: nel caso in cui siano invece rilasciate o confermate a chi ha superato il cinquantesimo anno di età sono valide per cinque anni, mentre per chi ha superato il settantesimo anno di età sono valide per tre anni. Le patenti di categoria C1, C1E, C e CE sono invece valide per cinque anni fino al compimento del sessantacinquesimo anno di età e, oltre tale limite di età, per due anni, ma solo dopo un accertamento dei requisiti fisici e psichici in commissione medica locale. Infine le patenti di guida delle categorie D1, D1E, D e DE sono valide per cinque anni e per tre anni a partire dal settantesimo anno di età. Sul sito dell'Aci si legge inoltre che le patenti di guida speciali, rilasciate a mutilati e minorati fisici, delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B sono valide per cinque anni; qualora siano rilasciate o confermate a chi ha superato il settantesimo anno di età sono valide per tre anni.

RINNOVO PATENTE: COME CAMBIANO LE REGOLE? ECCO COME SI RINNOVA Cambiano le procedure per il rinnovo della patente di guida: da giovedì 9 gennaio entrano in vigore nuove regole (secondo quanto stabilito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con il decreto del 9 agosto 2013) Viene, anzitutto, eliminato il bollino adesivo che si attaccava sulla patente ogni volta che veniva rinnovata. Si è chiamati a consegnare una nuova foto-tessera che servirà proprio per aggiornare la patente che verrò consegnata direttamente a casa per posta. Tutte le operazioni di conferma verranno effettuate telematicamente; per i medici, però, i tempi si allungano e non a caso è stata concessa una  di 20 giorni per provvedere agli indispensabili aggiornamenti dopo la visita di rito il medico accederà al sistema informatico del “Il portale dell'automobilista” per aggiungere le eventuali prescrizioni (uso degli occhiali durante la guida per esempio). Sarà lo stesso  sistema informatico a stampare una ricevuta che, fino all’arrivo della patente, avrà valore sostitutivo (per un massimo di 60 giorni). Restano comunque invariati i costi delle procedura: 25,00 euro (16,00 euro di imposta di bollo più  9,00 euro per i diritti dovuti alla Motorizzazione, da effettuare sul CC/P n. 9001, intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri; a questi costi dovrà essere naturalmente aggiunto il costo della visita medica e i 6,80 euro dell'assicurata postale.



© Riproduzione Riservata.