BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SANTO DEL GIORNO/ Il 7 gennaio si celebra San Raimondo di Penafort

Raimondo di Penafort è stato un religioso spagnolo, appartenente all'Ordine domenicano; è stato proclamato santo da papa Clemente VIII nel 1601

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

Il giorno 7 gennaio si celebra il ricordo di San Raimondo di Penafort. San Raimondo nasce nel 1175 a Penafort, in Catalogna. Il suo percorso formativo lo porta a studiare prima in Spagna, precisamente a Barcellona, poi in Italia, a Bologna, città in cui conclude gli studi. Qui, all'università di Bologna (in cui lavorerà anche come insegnante) fa due conoscenze che gli cambieranno completamente la vita: incontra Sinibaldo Fieschi (un patrizio proveniente da Genova) e Papa Innocenzo IV. Dopo questi incontri così importanti lascia l'Italia e ritorna in Spagna, nella Barcellona che aveva lasciato anni prima. Qui diventa il nuovo canonico della cattedrale della città. La sua vita trascorre placida e tranquilla in questo nuovo ruolo per alcuni anni. Fino a quando (siamo nel 1222) a Barcellona viene aperto un convento dell'Ordine dei Predicatori (nato grazie all'operato di San Domenico). Con questa nuova realtà a pochi passi da dove si svolgeva normalmente la sua vita, Raimondo si sente ora affascinato dalla vita che vivono i domenicani. Raimondo decide dunque di lasciare tutto e diventare domenicano. L'anno successivo dà un contributo fondamentale a fondare l'Ordine dei Mercedari. I Mercedari fanno parte dell'Ordine della Beata Maria Vergine della Mercede e sono stati creati per tentare di liberare i cristiani fatti prigionieri dai Mori. Passati alcuni anni, Papa Gregorio IX chiama a sé Raimondo per conferirgli un incarico molto importante: radunare e mettere in ordine tutti i "decretali", ovvero tutti gli atti, firmati dai vari Papi, che contengono decisioni relative a situazioni disciplinari e dogmatiche. Ciò che gli viene chiesto, dunque, è un lavoro lungo e faticoso, che va svolto in maniera diligente e accorta. 

Il lavoro viene svolto nel migliore dei modi. E la classificazione che era stata chiesta dal Papa a Raimondo è completa e dettagliata. E anche per premiarlo di un simile lavoro Gregorio IX decide che Raimondo è la persona giusta per diventare arcivescovo di Tarragona. La carica che il Santo Padre gli offre nell'anno 1234 è molto prestigiosa, e Raimondo non ha altro da fare che accettare di impegnarsi per ripagare, ancora una volta, la fiducia di Gregorio IX. Ma Raimondo, che è una persona molto umile, decide di rispondere di no per continuare la sua opera a fianco degli altri fratelli domenicani. I quali, quattro anni dopo il suo rifiuto, vogliono premiarlo nominandolo Generale dell'intero Ordine. Questa volta Raimondo non può tirarsi indietro, e accetta la carica, la quale comporta molte responsabilità e non pochi problemi da affrontare.