BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LEGGE 194/ Il ministero della Salute: non è vero che i medici obiettori impediscono gli aborti

Pubblicazione:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

Francesco Belletti, presidente del Forum delle famiglie, ha commentato in una nota ufficiale la relazione annuale sull'applicazione della legge 194 da parte del ministero della salute. La relazione, dice Belletti, fa piazza pulita di certe polemiche come quella lanciata dal governatore del Lazio Zingaretti sui medici obiettori di coscienza. "Non è vero" dice Belletti commentando quanto scrive il ministero  "che i medici non obiettori sono stressati e obbligati a turni di lavoro esagerati per colpa dei colleghi obiettori: in tutto fanno al massimo due ore di lavoro alla settimana in più e la possibilità di abortire non è intaccata". Ogni medico infatti pratica mediamente 1,4 aborti alla settimana. Un attacco squisitamente ideologico dunque quello di Zingaretti e di altri, commenta Belletti. Invece Belletti dice di fare attenzione a quando il ministero sostiene che il numero degli aborti è in costante diminuzione: 102,644 aborti nel 2013 contro i 107.192 del 2012. Peccato, dice Belletti, che i dati del 2013 sono ancora provvisori mentre quelli del 2012 definitivi. Numeri da verificare insomma, tenendo poi conto del contemporaneo crollo delle nascite, parti a 15mila nati in meno. "E tutto questo senza considerare il ricorso alle pillole del giorno dopo, sempre più massiccio e privo di riscontro. Centinaia di migliaia di confezioni vendute ogni anni che causano potenzialmente migliaia e migliaia di aborti non censiti e non inseriti nel computo" dice Belletti. 



© Riproduzione Riservata.