BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SINODO FAMIGLIA/ Al bisogno umano si risponde con l'amore o con il potere?

Pubblicazione:martedì 21 ottobre 2014

Pupa Francesco riceve i saluti di vescovi e cardinali (Infophoto) Pupa Francesco riceve i saluti di vescovi e cardinali (Infophoto)

Io, desiderando questa cosa qui, di che cosa sento davvero il bisogno? Sono disponibile ad ascoltare il mio cuore fino in fondo oppure chiedo alla legge di chiudere subito la mia domanda realizzando quello che desidero? Al bisogno umano si risponde con l'amore o con il potere?

È chiaro, direttore, che queste sono solo domande, provocazioni, riflessioni, ma forse è su questi termini che il nostro dialogo — durante questo lungo anno — si dovrebbe realmente spostare. Mi auguro di avere presto occasione di tornare su tutti questi temi. Infatti capisco sempre di più che in tutta questa vicenda non c'è in gioco anzitutto la famiglia o la conservazione della civiltà, ma il modo stesso con cui io, ogni giorno, cerco e provo ad essere felice.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
21/10/2014 - Articolo di F. Pichetto (Italo Amitrano)

Ho letto, tempo fa, che un noto gerarca nazista, quando sentiva la parola "intellettuale" poneva istintivamente la mano sulla pistola. Oggi, il sottoscritto quando sente nominare da alcuni soggetti le parole "amore" o "misericordia" prende subito dalla tasca il Rosario. Sì, perche ho capito che l'impostore, satana, oggi fa largo e spregiudicato uso di queste due parole per indurci a permanere nell'errore grave e mortale. Dio è Amore (con l'A maiuscola) ma il suo amore è il legame che lega il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo (non posso in questa sede stigmatizzare l'uso improprio del maschile per la terza Persona della SS. Trinità che - lo si capirà nel tempo stabilito da Dio - è femminile. Dio è misericordia, certo, ma è anche e soprattutto libero: se vuole confortarci con una carezza lo fa liberamente e allo stesso modo se ritiene di doverci rimproverare lo fa senza dover dare conto a nessuno (neanche al Papa). Distinti saluti. Italo Amitrano