BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Ergastolo e pena di morte, la giustizia "ricomincia" dalla ragione

Infophoto Infophoto

Con la conseguenza che, come una rete troppo estesa, finisce per trattenere sono alcuni pesci, quelli più piccoli che rimangono impigliati, mentre paradossalmente i veri criminali finiscono per sfuggire alle punizioni. Qui, prima che una questione morale o teologica, il Papa solleva un problema di "ragionevolezza pratica": infatti, così facendo, la stessa efficacia preventiva o dissuasiva della sanzione viene meno; basti pensare che oggi, con il carico di lavoro che hanno i pubblici ministeri, il reato di furto semplice, di fatto, non è più perseguito. 

Il Papa, quindi, non fa appello ai buoni sentimenti o alla pietà cristiana, ma poggia le sue ragioni su uno sguardo intero ed integrale all'uomo e alla sua condizione, uno sguardo più realistico, perché pieno di affezione e stima per il destino di ciascuno.

© Riproduzione Riservata.