BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ Il 6 ottobre si celebra San Magno vescovo

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Magno morì verso il 670, in tarda età, pare novantenne, ad Eraclea, e il suo corpo venne tumulato nella nuova cattedrale cittadina, mentre il suo culto si diffuse subito in laguna e nelle terre prospicienti la costa. Nel 1206, il doge Pietro Ziani decise di traslare i resti del santo nella chiesa di San Geremia a Venezia perché Eraclea era ormai una città abbandonata e semidistrutta dalle acque. Considerato il secondo patrono della Serenissima dopo San Marco, a Magno furono tributati sempre grandi onori e manifestazioni di fede. Dopo alcuni secoli Eraclea risorta chiese le spoglie del santo, ma le venne concesso solo un braccio che venne traslato all'interno di un prezioso reliquario in oro ricoperto di gemme preziose. Con il passare del tempo e dei dominatori del Veneto, le pietre preziose vennero asportate. Nel 1956 poi i veneziani concessero ad Eraclea di riavere le spoglie di San Magno, che vennero accolte con grande fervore dalla popolazione.

© Riproduzione Riservata.