BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GOLOSARIA 2014/ Come ci si cura mangiando...

Immagine FacebookImmagine Facebook

Nacque nell’anno 2000, quando scoprii che alla presentazione della GuidaCritica&Golosa ai ristoranti (che dopo 23 anni, da quest’anno è già on line su IlGolosario.it) c’erano due mondi che si incontravano: gli artigiani e i ristoratori. Mancavano i consumatori, coi quali capire in quale direzione si dovesse andare. E fu Golosaria, alla Palazzina di caccia di Stupinigi. Poi, dal 2006, anno in cui ci lasciò il nostro socio onorario Bruno Lauzi, la manifestazione debuttò a Milano e da allora, per nove anni consecutivi si è consolidata qui. Ma il concetto rimane quello di sempre: fare incontrare persone. Una banalità, dirà qualcuno: lo fanno in tanti, anche i rave party. E invece no, perché incontrarsi su un tema e su un’attenzione fa fare dei passi. E Golosaria è un laboratorio di novità che debuttano proprio in questo contesto di particolare attenzione. Lo faranno quelli della Calabria con la confettura di Annona che è un frutto considerato antitumorale, lo faranno i ragazzi della Brianza che coltivano zafferano, oppure i 15 microbirrifici che debuttano a Golosaria. C’è una gelateria agricola, Ugolini, che aprirà col gelato fai da te in tutto il mondo; c’è il produttore di formaggio Salva che ha creato una linea per intolleranti, c’è il cioccolato che nasce in Amazzonia e ridà valore a quei popoli. E così via coi vini biologici. Insomma un mondo di creatività e di azione. E’ una prewiew dell’Expo? Un po’ si, anche nella scelta del tema, lo stile di vita, che significa conoscere, confrontarsi. Vi aspetto in tanti.

© Riproduzione Riservata.