BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

CONFESSIONE/ Cardinale Piacenza: ecco cosa è il segreto confessionale

La Chiesa ribadisce tutt'oggi l'obbligo del segreto confessionale, chi lo viola incorre nella scomunica. Il cardinale Piacenza spiega perché sull'Osservatore Romano

Immagine di archivioImmagine di archivio

In un articolo pubblicato sull'Osservatore Romano, il penitenziere maggiore della Chiesa cattolica cardinale Mauro Piacenza spiega qual è il vero contenuto della confessione. Soprattutto, a fronte di certe discussioni che in nome della perseguibilità di crimini vorrebbero rendere pubblico il contenuto della confessione  stessa, dice che il sistema di segretezza adottato "non è volto a coprire trame, complotti o misteri come si vuol far credere all'opinione pubblica". Invece, "scopo del segreto, sia sacramentale, sia extra sacramentale, è proteggere l'intimità della persona, cioè custodire la presenza di Dio nell'intimo di ogni uomo" dice. In questo senso gli effetti che si desiderano con la riservatezza e il segreto sono per "salvaguardare la fama e la reputazione di qualcuno o rispettare diritti di singoli e di gruppi". Dunque il segreto confessionale rimane inviolabile, dice ancora il cardinale, e la Chiesa non ammette eccezioni e anzi chi viola il segreto confessionale incorre nella scomunica. Fu nel 1215 al tempo del Concilio Lateranense IV che venne per la prima volta sancito l'obbligo morale e giuridico come legge universale della Chiesa il non violare il segreto della confessione.

© Riproduzione Riservata.