BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA/ Aborto e eutanasia: sì all'obiezione di coscienza, no alla falsa compassione

Aborto, eutanasia e fecondazione artificiale sono falsa compassione ha detto oggi Papa Francesco parlando all'associazione dei medici cattolici, ecco cosa ha detto

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Parlando ai medici cattolici radunati oggi in Vaticano, il Papa ha espresso parole chiare e decise sull'impegno che spetta loro. Per essere fedeli al Vangelo e alla vita, ha detto, e al rispetto di essa come dono di Dio bisogna fare "scelte coraggiose e controcorrente che in particolari circostanze possono ungere all'obiezione di coscienza". Francesco dunque ha chiarito la posizione della Chiesa su un argomento che è oggetto di forte dibattito in questi ultimi tempi, il diritto o meno di rifiutare di praticare l'aborto o l'eutanasia per motivi di fede da parte dei medici. A proposito di aborto ha detto: "Il pensiero dominante propone una 'falsa compassione': quella che ritiene sia un aiuto alla donna favorire l'aborto" mentre invece a proposito di eutanasia ha detto che la si considera "un atto di dignità". Ha quindi fatto cenno anche a pratiche come la fecondazione eterologa, della quale ha detto "si considera una conquista scientifica produrre un figlio considerato come un diritto invece di accoglierlo come dono". L'aborto, l'eutanasia e la fecondazione artificiale sono "tutti risultati di una falsa compassione". Diversa è la compassione evangelica cioè quella del buon samaritano che si avvicina e offre aiuto concreto. "La vostra missione di medici vi mette a quotidiano contatto con tante forme di sofferenza: vi incoraggio a farvene carico come 'buoni samaritani', avendo cura in modo particolare degli anziani, degli infermi e dei disabili". Francesco ha concluso ricordando che giocare con la vita è un peccato contro Dio Creatore.

© Riproduzione Riservata.