BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALLARME LEGIONELLA/ Roma, sede della Corte d’Appello a rischio contagio

È emergenza legionella alla sede romana della Corte d’Appello. Il presidente degli uffici giudiziari, Luciano Panzani, ha confermato l’allarme nel corso di un’assemblea con il personale

(Infophoto) (Infophoto)

Scatta l’emergenza legionella alla sede romana della Corte d’Appello. Il presidente degli stessi uffici giudiziari, Luciano Panzani, ha confermato l’allarme nel corso di un’assemblea speciale con tutti i dipendenti: “Durante controlli di routine abbiamo trovato nell'impianto di dolcificazione dell'acqua presenza elevata del batterio della legionella”. E ancora: “La situazione al momento è sotto controllo ma il problema se non monitorato può procurare danni molto seri. Per tornare alla normalità ci vorranno almeno 40 giorni”. Appena pochi giorni fa, il 13 novembre, erano stati chiusi gli impianti ed era stata dichiarata non potabile l’acqua nella sede di Roma, anche a causa della presenza di topi che hanno reso necessario un intervento ad hoc di derattizzazione. In più, secondo quanto denunciato dai dipendenti, nei mesi scorsi si sarebbero verificato almeno cinque casi di broncopolmonite tra il personale.

© Riproduzione Riservata.