BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VERONESI CONTRO DIO/ Zichichi: si sbaglia, l'universo è la prova che esiste

Il cancro è la prova della non esistenza di Dio? Non è d’accordo Antonino Zichici, uno dei più noti fisici italiani che replica a quanto scritto da Umberto Veronesi nel suo ultimo libro.

Antonino Zichici (InfoPhoto) Antonino Zichici (InfoPhoto)

Il cancro è la prova della non esistenza di Dio? Non è d’accordo Antonino Zichici, uno dei più noti fisici italiani che replica a quanto scritto da Umberto Veronesi nel suo ultimo libro. "La scienza non ha mai scoperto nulla che sia in contrasto con l'esistenza di Dio. L'ateismo, quindi, non è un atto di rigore logico teorico, ma un atto di fede nel nulla", scrive oggi il presidente della World Federation of Scientists nell'articolo apparso sulle colonne de Il Giornale intitolato "Il cancro è questione di cellule. Ma l'universo è la prova di Dio". Secondo Zichichi, infatti, "c'è un'altra forma di evoluzione che batte quella biologica: l'evoluzione culturale. L'evoluzione biologica della specie umana non avrebbe mai portato l'uomo a scoprire se esiste o no il supermondo, come facciamo al Cern. Né a viaggiare con velocità supersoniche. Né a vincere su tante forme di malattia che affliggevano i nostri antenati. La nostra vita media ha superato gli 80 anni e le previsioni vanno oltre i cento anni, grazie alla scoperta che il mondo in cui viviamo è retto da leggi universali e immutabili". La scienza, spiega ancora Zichichi, "ci dice che non è possibile derivare dal caos la logica che regge il mondo, dall'universo sub-nucleare all'universo fatto con stelle e galassie". E se quindi c'è una logica "deve esserci un Autore - precisa il fisico - L'ateismo, partendo dall'esistenza di tutti i drammi che affliggono l'umanità, sostiene che se Dio esistesse queste tragedie non potrebbero esistere. Cristo è il simbolo della difesa dei valori della vita e della dignità umana. Che sia figlio di Dio è un problema che riguarda la sfera trascendentale della nostra esistenza. Negare l'esistenza di Dio però equivale a dire che non esiste l'autore della logica rigorosa che regge il mondo". Poi Zichichi conclude: "Tutto dovrebbe esaurirsi nella sfera dell'immanente la cui più grande conquista è la scienza. La scienza però non ha mai scoperto nulla che sia in contrasto con l'esistenza di Dio. L'ateismo, quindi, non è un atto di rigore logico teorico, ma un atto di fede nel nulla".

© Riproduzione Riservata.