BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FUMETTI/ "Giorni di un futuro passato", l'uomo di colore e Stan Lee

Pubblicazione:sabato 22 novembre 2014

Fumetti Marvel Fumetti Marvel

"I fumetti della Marvel - ha dichiarato il direttore Alex Alonso al Los Angeles Times - sono al massimo quando sono in grado di raccontare cosa succede nel mondo in questo preciso momento. Questa è la nostra forza, che risale a Stan Lee (lo storico ideatore di moltissimi personaggi Marvel, ndr), vale a dire la nostra abilità di raccontare le questioni sociali o il tema del giorno attraverso la metafora o il confronto".

Per fare questo l'azienda sta, ovviamente, anche discutendo sulla situazione al proprio interno. Il numero di donne che lavorano nell'ambiente dei fumetti, per esempio, è sempre stato compreso tra l'8% e il 15% e quello di persone appartenenti ad altre etnie, anche più basso. Per dare un segno concreto di mutamento, anche questi numeri dovranno cambiare. Negli Stati Uniti, un esempio potrebbe essere la regola introdotta da Dan Rooney, proprietario dei Pittsburgh Steelers, e adottata dalla NFL (National Football League) dal 2003 che raccomanda di fare colloqui con candidati appartenenti alle minoranze per ruoli di capo allenatore o ruoli dirigenziali. "Credo - ha dichiarato Alonso - che nei prossimi mesi faremo degli annunci che apriranno parecchie menti e che elettrizzeranno le persone". In un contesto culturale in cui lo story telling è diventato centrale nella vita delle aziende, delle persone e delle istituzioni, sembra proprio che il fumetto sia destinato a giocare un ruolo di primo piano. Anche così si può costruire un mondo migliore e meno conflittuale. Grazie Stan Lee.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.