BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PAPA FRANCESCO/ Udienza generale: il Paradiso? Più che un luogo è uno stato dell'anima

Il Paradiso più che un luogo è "uno stato dell’anima in cui le nostre attese più profonde saranno compiute in modo sovrabbondante e il nostro essere giungerà alla piena maturazione"

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Il Paradiso più che un luogo è "uno stato dell’anima in cui le nostre attese più profonde saranno compiute in modo sovrabbondante e il nostro essere, come creature e come figli di Dio, giungerà alla piena maturazione". Lo ha detto questa mattina Papa Francesco all’udienza generale in Piazza San Pietro. "Saremo finalmente rivestiti della gioia, della pace e dell’amore di Dio in modo completo, senza più alcun limite - ha aggiunto il Santo Padre - e saremo faccia a faccia con Lui! E’ bello pensare questo, pensare al Cielo… Ma, tutti noi ci troveremo lassù, tutti. E’ bello, dà forza all’anima". In questa prospettiva, ha osservato ancora il Papa nella sua catechesi sul tema "La Chiesa pellegrina verso il regno", è "bello percepire come ci sia una continuità e una comunione di fondo tra la Chiesa che è nel Cielo e quella ancora in cammino sulla terra. Coloro che già vivono al cospetto di Dio possono infatti sostenerci e intercedere per noi, pregare per noi. D’altro canto, anche noi siamo sempre invitati ad offrire opere buone, preghiere e la stessa Eucaristia per alleviare la tribolazione delle anime che sono ancora in attesa della beatitudine senza fine". Nella prospettiva cristiana, infatti, "la distinzione non è più tra chi è già morto e chi non lo è ancora, ma tra chi è in Cristo e chi non lo è! Questo è l’elemento determinante, veramente decisivo per la nostra salvezza e per la nostra felicità". Quella che si prospetta "è quindi una nuova creazione; non dunque un annientamento del cosmo e di tutto ciò che ci circonda, ma un portare ogni cosa alla sua pienezza di essere, di verità, di bellezza. Questo è il disegno che Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, da sempre vuole realizzare e sta realizzando". Poi Papa Francesco ha concluso: "Cari amici, quando pensiamo a queste stupende realtà che ci attendono, ci rendiamo conto di quanto appartenere alla Chiesa sia davvero un dono meraviglioso, che porta iscritta una vocazione altissima! Chiediamo allora alla Vergine Maria, Madre della Chiesa, di vegliare sempre sul nostro cammino e di aiutarci ad essere, come lei, segno gioioso di fiducia e di speranza in mezzo ai nostri fratelli".

© Riproduzione Riservata.