BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Omelia di Santa Marta: il vero cristiano è in uscita verso Dio e gli altri

Nell'omelia di oggi all'istituto Santa Marta Papa Francesco ha spiegato la parabola della pecora smarrita, dicendo che il vero cristiano non si ferma mai

Foto Infophoto Foto Infophoto

Nella consueta omelia durante la messa a Casa Santa Marta, Francesco ha commentato oggi le parabole della pecora smarrita e della moneta perduta. Vedere Gesù mangiare con i peccatori era un vero scandalo per scribi e farisei, ha detto, poi ha aggiunto scherzando: "immaginiamo se a quei tempi ci fossero stati i giornali". Gesù, ha detto, era invece venuto proprio per quello, cercare quelli che si erano allontanati da Dio. Sono due parabole, ha spiegato, che ci fanno vedere come è il cuore di Dio: non si ferma, va fino in fondo al limite. Scribi e farisei invece si fermano a metà cammino: "A loro importava che il bilancio dei profitti e delle perdite fosse più o meno favorevole e con questo andavano tranquilli. 'Sì, è vero, ho perso tre monete, ho perso dieci pecore, ma ho guadagnato tanto'. Questo non entra nella mente di Dio, Dio non è un affarista, Dio è Padre e va a salvare fino alla fine, fino al limite. E l'amore di Dio è questo. Ma è triste il pastore a metà cammino. E' triste il pastore che apre la porta della Chiesa e rimane lì ad aspettare. E' triste il cristiano che non sente dentro, nel suo cuore, il bisogno, la necessità di andare a raccontare agli altri che il Signore è buono. Ma quanta perversione c'è nel cuore di quelli che si credono giusti, come questi scribi, questi farisei. Eh, loro non vogliono sporcarsi le mani con i peccatori. Ricordiamo quello, cosa pensavano: 'Eh, se questo fosse profeta, saprebbe che questa è una peccatrice'. Il disprezzo. Usavano la gente, poi la disprezzavano". Il vero pastore, il vero cristiano, ha detto ancora, ha invece questo zelo: non vuole che nessuno si perda. Anche rischiando la vita, le sue comodità, il suo status anche perdere nella carriera ecclesiastica: "Anche i cristiani devono essere così. E' tanto facile condannare gli altri, come facevano questi - i pubblicani, i peccatori - è tanto facile, ma non è cristiano, eh? Non è da figli di Dio. Il Figlio di Dio va al limite, dà la vita, come l'ha data Gesù, per gli altri. Non può essere tranquillo, custodendo se stesso: la sua comodità, la sua fama, la sua tranquillità. Ricordatevi questo: pastori a metà cammino no, mai! Cristiani a metà cammino, mai! E' quello che ha fatto Gesù". Il buon cristiano, ha concluso, è in uscita da se stesso verso Dio e verso gli altri.

© Riproduzione Riservata.